APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
22/11/19 18:10

A MSC e Costa la gestione delle crociere in Sicilia Occidentale

Le due compagnie battono la concorrenza dalla turca Global Ports Holding e ottengono una concessione che verrà formalizzata a dicembre

MSC Crociere e Costa Crociere hanno battuto la rivale Global Ports Holding e si sono aggiudicate una concessione per le gestione dei terminal crociere (e dei relativi servizi ai passeggeri) nei porti della Sicilia Occidentale: Palermo, Trapani, Termini Imerese e Porto Empedocle.

A comunicarlo è l’authority guidata da Pasqualino Monti, che ha poi precisato come l’accordo con le due compagnie verrà formalizzato nel corso della conferenza “Noi, il Mediterraneo” organizzata dall’ente a Palermo il prossimo 19 dicembre.

Lo scorso agosto MSC e Costa avevano avanzato all’AdSP del Mar di Sicilia Occidentale un’istanza di concessione per la gestione unitaria delle crociere nei porti compresi nel perimetro dell’authority, ponendo appunto un affidamento in blocco degli scali come condizione necessaria per poter raddoppiare i traffici.

L’istanza, come da prassi, era stata pubblicata in attesa di eventuali offerte concorrenti, puntualmente arrivate, anzi arrivata: in alternativa a MSC e Costa si erano infatti proposte le due società Port Operation Holding Srl e Global Ports Melita Limited, entrambe controllate dal gruppo turco Global Ports Holding, specializzato nella gestione di terminal crocieristici e già ampiamente presente in Italia (Cagliari e Catania, oltre a partecipazioni in altri scali).

La commissione incaricata dall’ente, al termine della sua valutazione, ha però deciso di premiare la proposta di Costa e MSC. Esito che ha soddisfatto il Presidente dell’AdSP: “Siamo felici del fatto che società armatoriali che tanto investono nel porto di Palermo gestiscano i nostri terminal” ha infatti commentato Monti. “Possiamo parlare di una svolta che garantirà lo sviluppo del turismo crocieristico nei nostri porti con numeri impensabili solo qualche mese fa, una ricaduta occupazionale e un servizio di livello internazionale. Oggi viene riconosciuto merito allo straordinario lavoro messo in campo dall’authority che coniuga la realizzazione di imponenti opere infrastrutturali in tempi strettissimi con la capacità di promuoverne le funzioni sui mercati nazionali e internazionali”.

 “E' una giornata importante per la Sicilia e, direi per il Paese, e sono convinto che quando Royal Caribbean inizierà, a breve, a scalare i nostri porti con le sue navi di maggiore stazza, l’attuale compagine potrà allargarsi, comprendendo, quindi, le tre compagnie più grandi al mondo nel settore delle crociere” ha quindi concluso il vertice dell’authority siciliana.

 

 

Stampa