English
APRI
Già registrato? ACCEDI o Abbonati
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
30/06/20 17:58

Volata ‘verde’ in punta di pedali per Bracchi

Il gruppo di spedizioni e logistica orobico lancia la propria rivoluzione ambientalista nell’express delivery

Bracchi Srl con sede (dal 1994) a Fara Gera d’Adda (Bergamo) ha lanciato la propria rivoluzione ambientalista nell’express delivery.

Basped, la divisione dedicata del gruppo di spedizioni e logistica orobico, incentivato a fare nuovi passi avanti su digitalizzazione e innovazione tecnologica dalla tragica esperienza del lockdown, è pronta a recapitare circa 800mila spedizioni all’anno per sfidare la concorrenza più accorta e agguerrita anche a suon di consegne effettuate con le bici elettriche nelle capitali in Nord Europa e col treno elettrico sulle cittadine turistiche delle Alpi (ma anche con attività di waste recovery in Germania e Francia).

“La crisi del Covid ha accelerato i mutamenti nel settore della logistica e dei trasporti. I trend sono chiari: trasporti sempre più green e veloci grazie alla digitalizzazione dei processi, ma anche una nuova sensibilità per raggiungere con mezzi alternativi le città o i luoghi più isolati” spiega Lamberto Facchinelli, sales manager.

I nuovi servizi sviluppati, destinati a cambiare il modello con cui gli artigiani del made in Italy (ma non solo) spediranno i propri prodotti, sposano la filosofia green, anche grazie a nuove sfide, come quella proposta da un importante brand internazionale, che aveva bisogno di consegne in centri storici interdetti al traffico.

Sposando la dottrina ambientalista ben radicata in paesi come Svezia, Danimarca e Norvegia, Basped ha deciso di avvalersi di un network di biker per distribuire capillarmente nei centri cittadini di Oslo, Stoccolma e Copenaghen; mentre per rifornire i negozi di Zermatt, nelle Alpi svizzere – la ‘Cervinia’ elvetica - i colli sono fatti viaggiare su mezzi elettrici, a partire da un futuristico trenino. Ma le iniziative green non si limitano all’utilizzo di bici e mezzi elettrici per il trasporto urbano o al privilegiare il trasporto su rotaia quando possibile: si va dalla flotta di mezzi di proprietà ad alta classificazione Euro 5 o 6 per i trasporti su strada, all’utilizzo di software e tecnologie che ottimizzano tutta la catena di supply chain e riducono gli sprechi; dalla razionalizzazione del packaging alla riduzione dell'impatto ambientale dei magazzini; e per finire, alle iniziative di waste recovery, ovvero il recupero dei materiali di imballo, un servizio effettuato in modo efficace anche in Germania e nell’area metropolitana di Parigi.

Bracchi già lavora in ottica ‘verde’ anche dal punto di vista energetico: i magazzini di Fara Gera d’Adda, nel Bergamasco, sono dotati di impianti fotovoltaici e le luci sono tutte al led con un risparmio medio del 65%, mentre nella struttura di Bassano del Grappa (Vicenza) carrelli elevatori e transpallet sono dotati di una nuova tecnologia di batterie atossiche che usano le ricariche a gas.

Come ovvio, la gestione dei servizi per l’ecommerce ha registrato durante l’emergenza coronavirus un’impennata spingendo Basped ad ampliare e diversificare il proprio pacchetto di servizi offerti per l’e-commerce grazie a una sempre maggiore sinergia con Truckpooling, lo strumento pensato da da Bracchi Group per supportare aziende nella creazione, tracciamento e gestione delle spedizioni.

Bracchi Srl venne fondata nel 1928 come azienda di trasporto locale.

La svolta espansiva arriva 40 anni dopo quando la società viene acquisita da Tranquillo Annoni, che ne espande la presenza in ambito nazionale e poi in Europa, quindi concentrandosi sui Paesi dell’Est e costruendo magazzini in tutta Europa, fino a introdurre servizi di trasporto marittimo e aereo.

Nel 1997 nasce a Lublin (Polonia) B.P. Transports, prima filiale aperta all’estero, oggi con una flotta di 12 trattori stradali, 11 rimorchi telonati e 9 rimorchi ribassati.

Nel 2012 viene completata una piattaforma logistica a Dunajska Streda (Slovacchia) –che verrà poi raddoppiata - mentre nel 2015 Bracchi approda a Ettenheim (Germania), polo hi-tech di sistemi informatici avanzati.

Nel 2016 l’azienda di famiglia Annoni viene acquistata (con quota di controllo) da IGI SGR, fondo di Private Equity italiano; nell’operazione SI2 SpA e Siparex Mid Cap II FCPI acquisiscono una quota minoritaria.

Nel 2018 infine la società bergamasca fissa l'acquisizione di BAS Group, realtà storica di Bassano del Grappa (Vicenza) nata dalla sinergia di quattro aziende di trasporto e logistica specializzate in settori complementari.

Stampa