APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
18/10/18 16:33

Toninelli trova più soldi per l’autotrasporto

Nell’ultima bozza del DL fiscale salgono a 26,4 milioni le risorse aggiuntive per deduzioni forfettarie e SSN. I 15 milioni extra per il Fondo Iva dei porti destinati all’AdSP di Genova. 600 milioni per il contratto con RFI

Se c’è una categoria nel mondo dei trasporti che sicuramente non può lamentarsi del Ministero di riferimento è quella dell’autotrasporto.

Già inserito nelle prime bozze, il reperimento di risorse destinate a incrementare la dotazione esistente per il 2018 destinata alle deduzioni forfettarie e alle compensazioni del contributo al Servizio Sanitario Nazionale è stato potenziato nell’ultima versione del decreto fiscale licenziata dal Consiglio dei Ministri (al netto delle ‘manine’, che non dovrebbero comunque esser intervenute sull’articolo in questione).

Danilo Toninelli e il vice delegato all’autotrasporto Edoardo Rixi, infatti, hanno portato da 10 a 26,4 milioni di euro queste risorse aggiuntive, riuscendo anche a trovare le necessarie coperture (provenienti in parte da un fondo per il cofinanziamento statale del trasporto pubblico locale nelle provincie autonome di Trento e Bolzano, in parte dal maggior gettito derivante dall’aumento delle tariffe di motorizzazione risalente al 2013 e non speso per gli scopi originari).

Soddisfazione è stata espressa da Amedeo Genedani, numero uno di Confartigianato Trasporti e di Unatras, di fronte a cui (oltre che di fronte alla minaccia di un fermo), Toninelli si era del resto espressamente impegnato poche settimane fa.

Nelle stesse bozze visionate da Ship2Shore si corregge quanto previsto dalle prime versioni anche in merito al cosiddetto fondo Iva per le Autorità di Sistema Portuale. L’incremento in questo caso rimane fermo a 15 milioni di euro, ma lo si destina alla sola AdSP di Genova/Savona. Da rilevare, però, non solo che le coperture non sono precisate, ma anche che, per avere un’idea chiara della capienza del fondo e della quota destinata all’Authority genovese, occorrerà attendere la conversione in legge di questo provvedimento, del cosiddetto Decreto Genova, della manovra e di un altro imminente intervento normativo.

Dalla versione definitiva di quest’ultimo, infatti, potrebbe, stando alle cronache parlamentari, essere espunto l’intervento sul Fondo Iva, ma per l’AdSP genovese si starebbe studiando un finanziamento ad hoc da 200 milioni di euro da collocare o nella legge di bilancio o nel dpcm di ripartizione del Fondo per lo Sviluppo infrastrutturale del paese (1,615 miliardi di euro nel 2019), da adottarsi entro la fine del mese.

Da segnalare, infine, nell’ultima bozza del DL fiscale, l’autorizzazione alla spesa di 600 milioni “per il finanziamento del contratto di programma - parte investimenti 2017 - 2021 tra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e la società Rete ferroviaria italiana (RFI)”, contratto in questi giorni all’attenzione del Parlamento. La destinazione di tali risorse non è però precisata.

Andrea Moizo

Stampa