APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
13/09/18 18:23

Nominati i componenti della Struttura Tecnica di Missione

Fra gli esperti anche Francesco Parola, componente designato dalla Regione Liguria nel Comitato di Gestione dell’AdSP di Genova: compatibilità in corso di valutazione

“Gli atti amministrativi ancora non ci sono, ma i membri sono tutti operativi”.

È con queste parole che il Ministro Danilo Toninelli ha informato martedì i deputati della Commissione Ambiente di aver completato lo staff di esperti che comporrà la Struttura Tecnica di Missione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, l’organismo di indirizzo e pianificazione in materia infrastrutturale affidato al coordinamento del dirigente ministeriale Alberto Chiovelli. Malgrado alcuni atti siano ancora in registrazione e altri in istruttoria per la firma del Ministro, il dicastero ha fornito alcuni dettagli: “È prevista (si presume quindi sia stata utilizzata, nda) la chiamata diretta (il decreto ministeriale che disciplina la STM, il 194/2015, prevede però che per gli esperti si effettui una “selezione” senza specificarne la modalità, nda) e il costo per lo Stato sarà di circa 700mila euro annui”

Ai deputati, però Toninelli ha fornito i nominativi dei 14 membri dell’organismo e alcuni brevissimi cenni curriculari: “Pasquale Pucciariello, avvocato dello Stato, professore alla Luiss di Diritto Processuale; Giovanni Palatiello, avvocato dello Stato; Tammaro Maiello, vice-Procuratore generale del Lazio della Corte dei Conti; Cristian Pettinari, magistrato Corte dei Conti; Marco Ponti (a titolo gratuito), professore in quiescenza di Economia dei Trasporti (1980/2015); Paolo Beria, associato di Economia Applicata al Politecnico di Milano; Riccardo Parolin, consulente Economia dei Trasporti; Francesco Ramella Pezza, professore di Trasporti e Logistica al Politecnico di Torino; Alfredo Drufuca, esperto pianificazione traffico e trasporti; Pierluigi Coppola, docente Gestione ed esercizio dei sistemi di trasporto Università di Tor Vergata; Matteo Dondè, architetto; Gaetano Intrieri, economista, trasporto aereo; Francesco Parola, docente Economia e gestione delle imprese di trasporto Univ. Genova; Maurizio Di Stefano, docente presso la Facoltà di Architettura dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria”.

Da rilevare la conferma di un solo collaboratore della passata STM (Coppola) e la cospicua presenza (prevista dalla legge), accanto a dipendenti dello Stato e accademici, di liberi professionisti, manager o imprenditori: Drafuca è amministratore delegato della società di consulenza Polinomia, Dondé è un architetto che esercita la libera professione, mentre sono addirittura due gli appartenenti alla società di consulenza milanese TRT Trasporti e Territorio, Ponti e Parolin. Due degli accademici scelti, inoltre, Beria e Ramella, vantano una carriera caratterizzata dalle collaborazioni con lo stesso Ponti, autore anche nel recente passato di studi fortemente critici con la grande infrastrutturazione ferroviaria, Terzo Valico e TAV in primis.

Punto interrogativo sul rispetto della normativa in tema di incompatibilità e inconferibilità degli incarichi nella pubblica amministrazione per Parola, che, oltre ad essere docente all’università di Genova e a vantare passate collaborazioni con l’attuale sottosegretario del MIT Edoardo Rixi, siede, su designazione della Regione Liguria, nel Comitato di Gestione dell’autorità di Sistema Portuale di Genova, vale a dire nell’organo deliberante di un ente che al MIT sottopone per statuto la realizzazione di opere sulla cui sensatezza è chiamata ad esprimersi proprio la STM. “È un problema che non è emerso e non credo emergerà: nella Struttura ci saranno commissioni e sottocommissioni e, qualora capitasse l’analisi di progetti dell’AdSP, farò ovviamente in modo di non trovarmi in posizioni conflittuali” ha commentato il diretto interessato.

Secondo il MIT, invece, “il provvedimento relativo a Parola è in corso di perfezionamento e la compatibilità è ancora in corso di valutazione. Ad ogni modo non si sta occupando dell'analisi costi benefici, è stato indicato come esperto di porti”.

Andrea Moizo

Stampa