APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
21/05/20 15:47

Mercitalia lancia un nuovo servizio intermodale fra Padova e Trieste

Collegati con 3 coppie settimanali di treni l’interporto veneto e TMT, che nei primi quattro mesi dell’anno ha registrato una leggera crescita dei traffici

Nuovo servizio intermodale fra l’Inland Terminal dell’Interporto di Padova e il porto di Trieste, nello specifico la piattaforma container Trieste Marine Terminal (TMT). A lanciarlo è Mercitalia Rail (Gruppo Ferrovie dello Stato), in collaborazione con Alpe Adria. Il collegamento, che ha fatto il suo ‘debutto’ sui binari solo pochi giorni fa, è destinato esclusivamente al traffico container e viene effettuato con 3 coppie di treni alla settimana: la stima è che in questo modo verranno tolti dalla strada circa 16 mila autoarticolati all’anno.

E a proposito di TMT, il management del terminal ha reso noti i dati di traffico del primo quadrimestre 2020, nel quale, nonostante la pandemia di coronavirus che ha causato prima il lochdown in Cina e poi il fermo delle attività anche in Italia e in altri Paesi d’Europa, i volumi sono rimasti pressoché stabili rispetto allo stesso periodo del 2019, anzi hanno fatto segnare un piccolo aumento dello 0,17% in termini di TEUs movimentati. Nello stesso periodo sono invece calati i volumi spostati via ferrovia (-3,6%), con il dato del traffico da e per la Germania – sempre via ferro – in controtendenza, con un aumento del 6,3%.

“È ancora presto per fare considerazioni affidabili sull’evoluzione dei traffici in questo periodo – il commento Fabrizio Zerbini, Presidente di TMT – Abbiamo segnali altalenanti dalla Turchia, da far East e dell’East Med, che sono i principali mercato di riferimento del nostro terminal e più in generale del porto di Trieste. Proprio guardando a questi mercati, essendo per lo più esteri, crediamo che la diminuzione di traffico per il nostro terminal potrebbe essere più contenuta e meno duratura rispetto a quanto accaduto altrove, e anche la ripresa più rapida”.

P.R.                                                  

 

Stampa