• Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • RSS
APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
19/01/09 22:04

La logistica è tricolore per Daikin

Il colosso nipponico della climatizzazione attribuisce alla filiale italiana il coordinamento delle proprie movimentazioni nell’Europa meridionale

La multinazionale giapponese leader mondiale nei sistemi di climatizzazione Daikin ha deciso di fare dell’Italia il fulcro della propria attività logistica nell’Europa del Sud.
Sono infatti state trasferite dal Belgio a Daikin Italy le responsabilità delle attività di distribuzione e logistica relative all’Europa meridionale, allo scopo di aumentare la disponibilità di prodotti sul mercato e ridurre i costi di gestione mediante un’ottimizzazione del controllo dei processi di inbound, stoccaggio e outbound del magazzino.
“Sulla base di una ridefinizione dei flussi logistici e della mappatura dei siti a livello europeo” spiega Claudio Bettella, già direttore del dipartimento logistica di Daikin Italy ed ora nominato Supply Chain Manager South Europe “il Centro distributivo strategico Sud Europa contribuirà allo sviluppo di mercati emergenti da una posizione privilegiata e gestirà l’approvvigionamento in Italia, Francia, Spagna, Grecia, Europa Centrale, Turchia, Portogallo e Russia”.
Il Dipartimento Supply Chain Sud Europa si occuperà dell’attività di pianificazione delle forniture, distribuzione ed export, gestione magazzini e stock, inbound planning, sia per i prodotti in arrivo dagli stabilimenti europei sia per quelli provenienti dall’Estremo Oriente che transitano dal porto di Genova. Daikin Italy assume quindi piena responsabilità di controllo costi, scelta dei fornitori logistici, budget e gestione dei contratti. La nuova organizzazione triplicherà il volume di merci movimentate dal dipartimento logistica di Daikin Italy, arrivando a movimentare circa sei milioni di colli nell’anno in corso.
“Con questa operazione” conclude Bettella “si completa il processo di ridefinizione dei flussi europei iniziato nel 2007 che ha visto protagonista l’Italia. Per il Sud Europa questo decentramento, che consiste in una semplificazione dei processi e in una riduzione dei siti, si tradurrà in una maggior disponibilità di prodotto e in una decongestione dei flussi distributivi fra stabilimenti e magazzini con conseguente riduzione dei costi di gestione e minori emissioni. Uno dei principali obiettivi dell’operazione è infatti quello di ridurre del 30% entro il 2010 le emissioni nocive derivanti dalla nostra attività”.

Andrea Moizo

Stampa