APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
06/12/18 17:59

Il 3 x 2 di automezzi offerto sulla rotaia

TX Logistik e Vegatrans hanno sviluppato un sistema innovativo per aumentare efficienza e flessibilità del trasporto ferroviario di veicoli industriali

In un settore piuttosto statico come quello del trasporto di veicoli industriali sul treno, finora riservato a carri pianali specializzati e penalizzati dal ritorno a vuoto, TX Logistik (impresa ferroviaria merci internazionale del Gruppo FS Italiane) e Vegatrans (azienda leader nel trasporto e logistica dei veicoli industriali) hanno sviluppato un concetto innovativo che introduce ampia flessibilità e consente notevoli risparmi sul ciclo di trasporto in round-trip.

Il nocciolo del sistema roadrailLink (r2L) è costituito da una piattaforma in acciaio adatta ad essere sollevata da un reach-stacker o una gru da terminal e caricata entro carri tasca del tipo T3000e, i più moderni e diffusi oggi in circolazione.

Il maggior peso morto del carro tasca e dell’attrezzatura, rispetto ai pianali tradizionali, è compensato dalla possibilità, grazie a una ‘pedana’ aggiuntiva piazzata con uno stacker, ben visibile nell’immagine, di caricare un terzo furgone su ogni semicarro.

In questo modo il sistema r2L consente di portare su un treno completo di 16 carri doppi (lunghezza 550 metri) 96 furgoni anziché gli usuali 64.

Ma soprattutto, è possibile caricare anche sul viaggio di ritorno altri tipi di veicoli: 64 trattori stradali (utilizzando ancora il r2L), oppure 32 semirimorchi, nuovi o anche in servizio di traffico intermodale, anche non gruabili grazie al sistema NiKraSa sempre della stessa TXL, o combinazioni dei vari veicoli, aumentando significativamente la flessibilità nell’utilizzo dei carri e nella scelta dei terminali di carico e scarico.

Nel calcolo della sostenibilità economica delle varie possibili utilizzazioni, resta da verificare l’incidenza dei tempi di carico e scarico e del costo dell’handling con le gru nei terminali.

Il sistema r2L è stato progettato da Vegatrans insieme alla Kässbohrer Transport Technik KTT, in una prima versione destinata solo ai trattori stradali che circola fra Trieste Fernetti e Woerth am Rhein da inizio 2017, e da questa versione migliorata pensata anche per i furgoni, che circola da settembre 2018 fra il terminal di Sommacampagna (VE) e Rheine nel Land Nord Reno-Westfalia.

Verso nord il carico è di furgoni IVECO, verso sud di trattori stradali di IVECO e Scania e semirimorchi nuovi di varie marche. “Per la prima volta abbiamo la possibilità di combinare traffico in import ed in export nella logistica ferroviaria del trasporto di veicoli per renderlo ancora più efficiente” ha detto Franz Blum, MD di Vegatrans, mentre Berit Börke, CSO di TX Logistik, sottolinea che “con questa flessibilità non siamo più legati a un solo tipo di veicoli, possiamo cambiare facilmente mentre allestiamo un treno. Si aprono possibilità completamente nuove”.

Attualmente sono in uso 64 piattaforma r2L e altre 32 sono in costruzione per nuovi servizi previsti, fra Italia e Polonia e fra Austria e BeNeLux.

 

Fulvio Quattroccolo

Stampa