APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
07/12/18 12:22

Dai fondi CEF 2019 100 milioni di finanziamenti

Due gli ambiti di interesse: la riduzione del rumore prodotto dal trasporto ferroviario e il miglioramento del network comprehensive della rete TEN-T

 

Ammonta a 100 milioni di euro il finanziamento che sarà messo a disposizione dai fondi CEF – Transport - che hanno lo scopo di contribuire alla costruzione di nuove infrastrutture (o al miglioramento di quelle esistenti), in particolare nel campo dei trasporti - per la tornata 2019. Una dotazione certamente più scarsa di quelle messe a disposizione nelle edizioni passate e che, ha chiarito la Commissione Europea, pubblicando già la documentazione necessaria per la presentazione delle domande, sarà ripartita in due blocchi. Da un lato i progetti relativi alla rete comprehensive (inclusi i porti marittimi così classificati) del network Ten-T, in particolare quelli che mireranno alla “rimozione di colli di bottiglia, introduzione di collegamenti mancanti, miglioramento dell'interoperabilità ferroviaria e delle sezioni transfrontaliere”, cui andranno complessivamente 65 milioni di euro, dall’altro quelli che puntano alla riduzione dell’inquinamento acustico prodotto dal trasporto ferroviario merci, cui sono destinati i rimanenti 35 milioni.

Riguardo questa tranche di finanziamenti, Violeta Bulc, Commissario UE ai Trasporti, ha commentato: “Continuano gli investimenti nelle infrastrutture di trasporto europee. Il nostro scopo è di supportare i progetti con il maggior valore aggiunto per l’UE, realizzando l’agenda dell’Unione Europea per l’occupazione e la crescita e rafforzando la coesione sociale, economica e territoriale”, aggiungendo infine: “Stiamo anche affrontando la questione del rumore ferroviario attraverso la promozione di tecnologie silenziose, che migliorano la qualità della vita dei cittadini dell'UE".

Le domande potranno essere presentate dal prossimo 8 gennaio 2019 fino al 24 aprile. Dopodiché scatterà la fase di analisi e valutazione, che indicativamente dovrebbe protrarsi fino a luglio. Previste per ottobre infine la decisione della Commissione così come la firma degli accordi per l’assegnazione dei finanziamenti ai vincitori dei bandi.

TAG : Politica UE
Stampa