APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
13/09/18 18:11

CFFT si fa avanti per l’Interporto di Civitavecchia

Una proposta che prevede l’affitto del ramo d’azienda e la successiva possibilità di acquisto è stata presentata dalla società terminalistica al curatore fallimentare

Dopo sette aste andate deserte, per l’Interporto di Civitavecchia la soluzione potrebbe finalmente arrivare dal suo neo-inquilino CFFT.

La società terminalistica italo-belga, parte del gruppo Noord Natie, avrebbe infatti presentato un’offerta per la struttura che prevede la formula dell’affitto di ramo d’azienda per un periodo di 12 mesi e la possibilità di acquisto entro i successivi 6.

A riferirlo è la stampa locale, spiegando come la Civitavecchia Forest and Fruit Terminal – che, come accennato, ha recentemente preso in affitto negli spazi di ICPL un’area di 4.000 metri quadrati da destinare allo stoccaggio di merce non alimentare (in particolare di prodotti di largo consumo come materiali plastici e farmaceutici) – avrebbe presentato la proposta al curatore fallimentare Angelo Novellino, corredandola dal relativo piano industriale. A dispetto dell’interesse manifestato da altri soggetti – di cui hanno dato conto le stesse testate civitavecchiesi nei giorni scorsi - la proposta di CFFT sarebbe ad oggi l’unica formalizzata.

“Questa procedura, giuridicamente parlando, non è quella abituale ma in assenza di altre è evidente che la valuteremo. In ogni caso dovrà passare per forza al vaglio del giudice” ha commentato al Messaggero Novellino, auspicando però al contempo di poter ricevere altre proposte.

Come documentato da S2S nel corso degli anni, per la società fallita nel 2015, erano stati disposti nel corso degli anni diversi tentativi di vendita. La prima asta, nel 2016, vedeva un prezzo base fissato a 10,217 milioni di euro, che è stato via via ribassato fino alla quota di 4 milioni di euro alla base della settima procedura, avviata lo scorso aprile, la cui scadenza inizialmente fissata a maggio era stata poi prorogata, comunque senza esito positivo.

 

TAG : interporti
Stampa