APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
17/01/20 09:04

Blue Water Shipping apre in Italia

La società, già partner di Priano Marchelli (che nel frattempo ha sviluppato altre iniziative imprenditoriali) ha avviato un ufficio a Milano

Già attiva da tempo nel mercato italiano, Blue Water Shipping ha ora deciso di mettere radici nella Penisola con l’apertura di un ufficio a Milano dedicato alle attività Energy&Projects. La società, nata nel 1972 in Danimarca ma oggi presente praticamente in tutto il mondo, offre servizi di logistica e trasporto principalmente ai settori oil&gas, delle energie rinnovabili, e marine. La sede milanese si dedicherà inizialmente proprio all’ambito Energy&Projects, con l’ambizione però di estendere più avanti le operazioni anche ad altre attività. A guidare la nuova realtà – spiega una nota della stessa BWS – sarà Alessandro Crocitto, manager con oltre 34 anni di esperienza nella logistica, di cui 21 in particolare nel project cargo (nel suo curriculum figurano i nomi di Deugro, Geodis, Saga e Aprile).

“Avere una filiale in Italia è parte naturale del nostro sviluppo nel segmento dell'energy&projects. Il settore è ampio e vediamo buone opportunità per rafforzare i nostri servizi e anche per espandere la base di clienti" ha dichiarato Thomas Bek, direttore globale della relativa divisione di Blue Water.

Nella nota di BWS non se ne fa cenno, ma proprio per sviluppare la presenza nel segmento oil&gas nel mercato italiano nel 2015 la società aveva avviato una joint venture la genovese Priano Marchelli, con cui già collaborava da tempo. Blue Water PM, questo il nome della società, con sede a Genova, aveva come obiettivo quello di offrire servizi alle industrie oil & gas, project cargo e mineraria, in particolare logistica e spedizioni su strada, via mare e via aerea, magazzinaggio, e in ambito portuale assistenza per operazioni di chartering, stivaggio, pratiche doganali e assicurative.

“Abbiamo seguito insieme molti progetti, poi le nostre strade – ricostruisce Andrea Giachero, CEO di Priano Marchelli – si sono separate nel 2017. Pur rimanendo tutti noi in ottimi rapporti, ci siamo accorti che i nostri processi aziendali erano differenti, anche perché noi siamo una realtà che impiega circa 250 persone e loro un gruppo da 1.500”. La società genovese quello stesso anno ha infatti deciso di focalizzarsi sul suo settore di elezione, ovvero quello del navale e marine, e a questo scopo ha anche avviato (in partnership con la statunitense Aerostream) la joint venture Priano Aerostream, con base a Miami, dedicata all’industria delle crociere. Contestualmente al suo avvio, anche l’altra joint venture tra la società genovese e BWS, ovvero Cruise & Marine Logistics Network ha quindi in sostanza smesso le attività. “Gli operatori del settore ci chiedevano di avere una presenza diretta in loco” ricorda Giachero. Nel frattempo Priano Aerostream (che nel porto della Florida ha anche un magazzino da oltre 3mila metri quadrati) ha avviato altri uffici a Seattle e Vancouver. Ad oggi il portafoglio clienti conta tutti i principali nomi del settore, tra cui i brand del gruppo Carnival ma anche Virgin Voyages.

Francesca Marchesi

 

 

Stampa