APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
26/03/20 16:28

Ancora un imbarco eccezionale da Ravenna

Un impianto di F.lli Righini destinato a una FPSO in costruzione è stato caricato su una nave diretta a Singapore

All'inizio della settimana F.lli Righini ha fermato le attività produttive, in ottemperanza al DPCM del 22 marzo. Un impianto già ultimato dall'azienda ravennate, specialista nella realizzazione di macchinari per l'offshore, ha però lasciato lo stabilimento, per imbarcarsi dal terminal Sapir alla volta di Singapore.

Si tratta di un Riser Pull-In System (RPS) che verrà montato a bordo della FPSO Energean Power (Floating Production Storage Offloading), in costruzione in Asia: lo scafo è stato realizzato da Cosco nel suo cantiere di Zhoushan, ma la realizzazione della piattaforma verrà completata appunto a Singapore, nello stabilimento di Admiralty. Tra gli interventi previsti c'è anche l'aggiunta, sulla fiancata della piattaforma, dell'impianto realizzato a Ravenna, tecnicamente un '500 Te SWL Chain Jack' – ma in sostanza un sistema che sarà montato su una fiancata della FPSO per sollevare e tirare i montanti in acciaio per catenaria che collegano la tubazione sottomarina alla stessa piattaforma. Il contratto è stato assegnato a F.lli Righini da TechnipFMC UK.

L'imbarco, a bordo della Frauke (multi-purpose dry cargo ship di SAL Heavy Lift della classe chiamata Type 176, con due gru di capacità di 700 tonnellate swl e una terza da 350, rappresentata dall'agenzia marittima ravennate Marcandia) è avvenuto al terminal Sapir di Ravenna martedì. L'operazione ha visto coinvolta anche la casa di spedizioni, pure di Ravenna, Casadei & Ghinassi, mentre il trasporto dell'impianto è stato curato da Pasquinelli.

Una volta ultimata, la Energean Power andrà a operare nell'offshore israeliano, e precisamente nei campi Karish e Tanin, per conto di Energean.

F.M.

Stampa