English
APRI
Già registrato? ACCEDI o Abbonati
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
16/10/20 16:47

Al GIC di Piacenza il dibattito sulla politica infrastrutturale del Belpaese

Durante le Giornate Italiane del Calcestruzzo industria e istituzioni si confronteranno sul tema: ad aprire la ‘tre giorni’ con un convegno moderato dal Direttore di Ship2Shore Angelo Scorza

di Francesco Bottino

 

Piacenza - C’è voluto del coraggio per organizzare un evento fieristico di portata internazionale come il GIC- Girante Italiane del Calcestruzzo (29-31 ottobre a Piacenza Expo), in un contesto così complesso e delicato quale quello attuale, ma il passo è sembrato davvero necessario alla luce della consapevolezza che è proprio sulle infrastrutture che si può e si deve basare la ripartenza di cui l’Italia ha bisogno.

Ed infatti sarà questo il tema del convegno di apertura del GIC, che si intitolerà “Dopo la positiva esperienza del Ponte San Giorgio di Genova, quali sono in Italia le politiche e le prospettive dei prossimi anni in campo infrastrutturale?”, sarà moderato dal Direttore di Ship2Shore Angelo Scorza e vedrà la partecipazione, tra i molti nomi di rilievo, anche del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli e del Sindaco di Genova Marco Bucci (nonché di alcuni ‘volti noti’ dell’industria marittima come Daniele Rossi, Presidente di Assoporti, Luigi Merlo, Presidente di Federlogistica e Fabrizio Vettosi, Managing Director di VLS Club).

A riconoscere che ci sia voluta una buona dose di ‘audacia’ imprenditoriale per portare avanti l’iniziativa, da parte degli organizzatori dell’evento – la società genovese Mediapoint & Exhibitions di Fabio Potestà – in occasione della conferenza stampa di presentazione del GIC svoltasi presso la sede di Confindustria Piacenza (a fare gli onori di casa, il Presidente dell’associazione degli industriali Francesco Rolleri) è stata la Vicesindaco di Piacenza Elena Baio: “Potestà ha capacità e competenza, doti dimostrate con gli eventi organizzati in questi anni a Piacenza Expo, e cui dobbiamo aggiungere anche il coraggio, che sicuramente è stato necessario per portare avanti l’organizzazione del GIC quest’anno. Ma, come recita lo slogan della fiera, è questo che dimostra la forza della resilienza”. La Vicesindaco ha poi ribadito l’importanza delle infrastrutture come volano per il rilancio dell’economia nazionale, “soprattutto alla luce delle opportunità offerte dal nuovo super eco-bonus, i cui contorni dal punto di vista normativo e quindi applicativo sono ancora però poco chiari, cosa che potrebbe scoraggiare potenziali investimenti”.

E infatti, come ricorda Potestà, “proprio a questo tema, ovvero alla concreta applicazione del super-ecobonus, è dedicato uno dei numerosi seminari che caratterizzeranno la ‘tre giorni’ piacentina, organizzato in collaborazione con Confedilizia”.

Anche l’organizzatore dei GIC (e anche del GIS – Giornate Italiane del Sollevamento, un altro degli eventi di punta del calendario fieristico piacentino) torna quindi a ribadire l’importanza delle infrastrutture, “che sono lo scheletro dell’intero sistema economico di un Paese, a cui tutti gli altri settori devono potersi appoggiare per prosperare. Basti pensare a cosa è successo a Genova con il crollo di Ponte Morandi, che ha danneggiato in misura considerevole le attività portuali e logistiche e che ha quindi reso molto difficile, per le aziende manifatturiere del Nord Ovest, uno dei comparti trainanti della nostra economia, esportare i loro prodotti all’estero”.

Secondo Potestà, il rilancio infrastrutturale è un elemento strategico su cui concentrarsi “se vogliamo far sì che l’Italia continui ad essere la settima economia del mondo”, ed è per questo che Mediapoint ha deciso, “con una certa dose di coraggio che la Vicesindaco ci ha riconosciuto, ma soprattutto con il supporto fondamentale delle istituzioni locali piacentine, di Piacenza Expo, dei 160 espositori che ci hanno confermato la loro presenza e dei molti enti patrocinatori tra cui quest’anno compare per la prima volta anche l’Esercito Italiano, che si affianca così all’Aereonautica Militare”, di andare avanti con l’organizzazione del GIC, “nel pieno rispetto di tutte le norme anti-Covid”, ma anche “con la consapevolezza che non possiamo farci fermare da una difficoltà, quella del coronavirus, i cui effetti sono forse amplificati dai media il cui racconto sta fomentando il senso di panico nella popolazione. Non dimentichiamoci – ha quindi concluso Potestà – che dopo i drammi della prima metà del secolo scorso, come l’epidemia di Spagnola, la crisi finanziaria del ’29 e le due guerre mondiali, in tutta Europa e quindi anche in Italia c’è stata la ricostruzione, basata proprio sulle infrastrutture, e quindi il boom economico”.

Che organizzare il GIC, in questa situazione, sia stato complesso, lo ha confermato anche il Presidente di Piacenza Expo Giuseppe Cavalli, che ha ricordato: “Siamo alla terza edizione di questo evento, che insieme al GIS, a Geofluid e a Colore compone la nostra offerta di eventi nel settore dell’edilizia, su cui Piacenza Expo ha ormai costruito una specializzazione in ambito internazionale”. Cavalli è quindi tornato sull’importanza degli investimenti infrastrutturali e ha parlato della volontà del Governo di varare un ampio programma di manutenzione della rete viaria nazionale: “Mi auguro che qualche rappresentante dell’esecutivo e di Anas possa partecipare al GIC per raccogliere informazioni utili alla buona riuscita di questa iniziativa”.

 

 

TAG : eventi
Stampa