APRI
Già registrato? Download PDF ACCEDI o REGISTRATI
Direttore Responsabile: Angelo Scorza
Stampa
22/05/20 14:51

Accordo per l'asse logistico Civitavecchia - Santa Palomba

CFFT si allea con Laziale Distribuzione, Consorzio Autotrasportatori Civitavecchia e la Innovative Logistics Projects, mentre CDF si insedia nel polo logistico

Perso, chissà ancora per quanto, il traffico crocieristico, il porto di Civitavecchia ha salutato con grande speranza il protocollo d’intesa sottoscritto ieri tra la Civitavecchia Fruits & Forest Terminal, la Laziale Distribuzione spa, il Consorzio Autotrasportatori Civitavecchia e la Innovative Logistics Projects Consulting, quest'ultima una start-up che pure opera nel settore del trasporto delle merci e della logistica.

Oggetto dell'accordo è quello di promuovere il mercato dei servizi di trasporto e della logistica nel bacino d’utenza tra Civitavecchia e la zona di Pomezia-Santa Palomba. Nel protocollo d’intesa viene individuato lo scalo laziale viene individuato quale asset fondamentale “per lo sviluppo ordinato e dialogante per un’offerta complessiva di servizi logistici e di quelli a valore aggiunto”.

“Il protocollo – ha spiegato il CEO di Cfft, Steven Clerckx – va visto in virtù dell’importanza di sviluppare i traffici partendo dalla considerazione che Santa Palomba è il primo mercato del centro Italia. È un passo, a nostro giudizio, fondamentale in funzione del rilancio del porto, del retroporto e dell’interporto, visto che può contare sul collegamento di un’area di oltre un milione e mezzo di metri quadrati al momento servita, per l’80% dal porto di Napoli. Importanti, per fare in modo che l’accordo possa portare a risultati straordinari, saranno il collegamento ferroviario tra lo scalo marittimo, l’interporto e Pomezia e l’accelerazione delle procedure doganali. In quel caso, davvero Civitavecchia potrà diventare la protagonista della rinascita economica del Lazio dopo la catastrofe rappresentata dal coronavirus”.

Nel frattempo, proprio nel polo logistico di Santa Palomba, ha trovato casa CDF. La società, specializzata nella gestione di piattaforme logistiche per la GDO, si è insediata in un immobile di 10mila metri quadrati di proprietà di Namira SGR, assistita nell'accordo di locazione da JLL. “Il comparto logistico si conferma una delle asset class più solide del mercato immobiliare italiano e questa operazione ne è la riprova” ha commentato Eugenio Radice Fossati Confalonieri, AD della società di gestione del risparmio. Riguardo l'andamento del settore, il manager ha aggiunto: “Abbiamo piena fiducia nello sviluppo del settore logistico distributivo nel centro Italia e i risultati ottenuti dal Gruppo CDF sino ad oggi rafforzano la nostra strategia di sviluppo.” Dello stesso avviso Faustino Musicco, a capo della divisione Logistics & Industrial Agency di JLL, che ha ribadito: “La conclusione di questa operazione dimostra come, anche di fronte al particolare momento storico che stiamo vivendo, il settore logistico mantiene la propria identità e si conferma una asset class strategica. In questo contesto, stiamo assistendo ad un’attività stabile da parte di operatori attivi nel settore food, pharma ed e-commerce”.

 

TAG : Logistica
Stampa